Sarandos: “A Netflix vogliamo ottimi storytellers e nuovi contenuti”

Tanta fiducia ed entusiasmo nel primo giorno italiano di Netflix. E’ quello che si percepisce dagli sguardi e dalle parole del Ceo Reed Hastings e del responsabile contenuti Ted Sarandos.

Spiega l’Ad.  “Le reti si stanno velocizzando, anche in Italia, scommettiamo sulla visione in streaming, senza più pensare al download. Abbiamo 70 milioni di abbonati nel mondo. Nel primo anno in Italia vogliamo concentrarci sulla felicità dei nostri clienti. Vogliamo arrivare a raggiungere 1/3 dei nuclei familiari italiani. Negli Stati Uniti ci siamo riusciti in sette anni. Qui lo faremo prima“.

E sulle produzioni innovative risponde Ted Sarandos. “Noi rilasciamo tutti gli episodi delle serie in contemporanea. Questo ci dà molte opportunità , per questo vogliamo ottimi storytellers e nuovi contenuti, gli episodi trasmessi in TV avevano la necessità di dover contenere un ‘riassunto’ delle cose accadute, perché gli spettatori dimenticavano cosa avevano visto e Quindi si reintroducevano i personaggi. Noi non abbiamo questo problema: Uno può fare una battuta in un episodio e fare riferimento a quella stessa battuta in un altro episodio essendo sicuri che la gente lo ricorderà perché vede le puntate tutte di seguito”.

Inoltre , dice Sarandos, “Netflix tra poco sarà in tutto il mondo e i nostri story tellers potranno raccontare le loro storie dovunque. Nei prossimi anni ci saranno sempre più prodotti originali, esclusivi e globali“.

Reed Hastings aggiunge: “C’ è più concorrenza ma anche più mercato. È così ci sono più risorse per i creativi che porta a un’esplosione della quantità di prodotti. la concorrenza per noi, e per il mondo, è positiva“.

Netflix Italy Launch Press Conference

Il ceo di Netflix è convinto che questo tipo di televisione sia il futuro: “Appena le persone hanno il controllo e la scelta non tornano indietro. Così se si comincia con la TV on demand si va avanti e si impara ad usarla, a qualsiasi età.

Pierfrancesco Favino, commenta: “Noi abbiamo i numeri di chi vede la TV, non di chi non la vede. Molti spettatori sono migrati. quando ho un database enorme ho la possibile di scegliere. Questo mi fa capire cosa mi piace e mi fa capire chi sono. E cosi si può superare la pirateria”.

sotel

AUTHOR

Antonio Tortolano

Nato a Cassino, ai piedi della celebre abbazia, sono cresciuto con la passione per lo sport e per il giornalismo. Roma prima e Milano poi mi hanno accolto per farmi compiere il salto di qualità. Lavorare in tv e per la carta stampata non mi bastava più e allora dal pallino per la rete ecco nascere lospaccatv e megamusic, due webzine che mi hanno aperto anche al mondo del social media marketing…

Leggi tutti i post di Antonio Tortolano

Potrebbe interessarti anche...

Netflix: al via in Irlanda ...

Al via in Irlanda le riprese di Fate: The Winx Sag...

Su Netflix in arrivo la ter...

Netflix ha annunciato che la terza stagione della ...

Suburra: a febbraio la seco...

Debutta il prossimo 22 febbraio  la seconda stagi...

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter!