Sanremo 2015: LoSpaccaTv intervista Enrico Nigiotti

Tra le otto nuove proposte di Sanremo ci sarà Enrico Nigiotti. Il cantautore livornese sul palco dell’Ariston presenta Qualcosa da decidere, un brano particolarmente radiofonico, scritto durante una spensierata notte d’estate. Il pezzo precede l’uscita dell’omonimo album prevista durante la settimana sanremese. Enrico Nigiotti dopo aver chiuso la sua esperienza con la Sugar, ha firmato un contratto con la Universal. Sono passati cinque anni dalla sua esperienza ad Amici, ora per l’artista toscano un’altra grande opportunità che vuole giocarsi nel migliore dei modi. Gli abbiamo rivolto alcune domande a pochi giorni dall’inizio della kermesse…

Enrico da un po’ non sentivamo parlare di te. Ora ti ritroviamo a Sanremo. Come è nata Qualcosa da decidere?

In effetti non sono stati anni facili per me, a livello musicale. Ma non ho mai perso la speranza e la voglia di continuare con quella che è la mia più grande passione. L’estate scorsa, dopo una cena, come per gioco, ho buttato giù con un mio amico dj qualche riga. Poi quattro accordi e pian piano è nato questo inno alla felicità.

Quale può essere il segreto di questo pezzo?

E’ una canzone forte e allo stesso tempo semplice. Racconta di un incontro con una ragazza, la prima uscita, tutto quello che c’è dietro a un appuntamento con una persona che ti piace. E’ un testo vero che può riguardare tutti, un argomento felice.

Te l’aspettavi questa opportunità che ti ha dato l’Universal?

Non bisogna mai smettere di crederci, per me ora è una grande occasione. Una vetrina importante come quella sanremese e un contratto con la casa discografica più grande al mondo sono cose che non capitano a tutti. Il pezzo è molto radiofonico e pieno di adrenalina e l’album uscirà durante la settimana sanremese…Speriamo bene.

Chi temi particolarmente delle altre sette nuove proposte sanremesi?

Prima di questa esperienza non li conoscevo, ma devo dire che mi hanno sorpreso tutti in positivo. Tra i pezzi non noto somiglianze, sarà una bella gara e ognuno può giocarsi le sue carte per la vittoria.

Sia tra i big che tra i giovani, sono in molti ad arrivare dai talent come te. Cosa ne pensi?

Ritengo sia una cosa positiva. Prima per scoprire un artista c’erano i locali. Si andava soprattutto lì per sentire della musica nuova. Oggi c’è il web e poi la tv. Quindi ben vengano i talent se riescono a dare la possibilità di poter tirar fuori le capacità artistiche.

Prima nella Sugar, ora sei nella scuderia dell’Universal. Meglio le major o le etichette indipendenti?

Non sarebbe carino fare un confronto adesso. Sono stato diversi anni sotto contratto con la Sugar e mi sento fortunato ad avere avuto quella possibilità. Adesso però penso a dare il massimo con la Universal, era un sogno che potevo solo immaginare e adesso è realtà. Pensavo che la fortuna fosse finita e invece…Diciamo che ho fatto un lavoro personale su me stesso. Qui mi trovo davvero bene, devo ringraziare la mia manager Adele Di Palma, che mi trasmette tranquillità e calma e poi il mio produttore Brando. Ho un team alle spalle davvero importante.

A proposito di Brando, tra i big tiferai per Nesli (stessa etichetta, stesso produttore, ndr)?

Non lo dico perchè facciamo parte dello stesso entourage, ma Nesli è davvero forte. L’ho conosciuto di persona e i suoi testi mi piacciono davvero, con parole semplici esprime concetti che fanno pensare. E poi c’è Annalisa, tra le donne faccio sicuramente il tifo per lei.

Che ne pensi di questo Festival? Come te lo immagini?

Sicuramente un’atmosfera frizzante, sono davvero curioso. Tra i big poi ci sono dei ritorni, come quelli di Grignani e Raf e poi c’è Alex Britti. Sarà un bel Festival…

Tu come ti stai preparando?

Mi sono stupito di me stesso. Ho smesso di fumare, sono a dieta e mi sento psicologicamente tranquillo. E poi c’è Danila Satragno che fa un gran lavoro per la voce…

Dell’esperienza ad Amici che ricordo hai? Ti sei pentito di quella scelta fatta per amore?

Conservo un bel ricordo, una grande esperienza per me, avevo un caratterino non certo facile, me ne rendo conto, ma tutto serve. Beh quella scelta, la verità è che poi per due anni sono stato fermo, senza grandi progetti, ma è facile parlarne dopo. In quel momento ho ragionato così. Ora io sono a Sanremo e lei sta facendo una bella carriera come ballerina. Quindi va bene così…

 

AUTHOR

Antonio Tortolano

Nato a Cassino, ai piedi della celebre abbazia, sono cresciuto con la passione per lo sport e per il giornalismo. Roma prima e Milano poi mi hanno accolto per farmi compiere il salto di qualità. Lavorare in tv e per la carta stampata non mi bastava più e allora dal pallino per la rete ecco nascere lospaccatv e megamusic, due webzine che mi hanno aperto anche al mondo del social media marketing…

Leggi tutti i post di Antonio Tortolano

Potrebbe interessarti anche...

Il sorprendente Sanremo di ...

Enrico Nigiotti ancor prima di iniziare la kermess...

Enrico Nigiotti: “Ho ...

Enrico Nigiotti con la sua Qualcosa da decidere è...

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter!