Il Festival delle “influencer”

Nelle scorse settimane è andato in scena il 77° festival della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, un evento molto atteso. Questa manifestazione accompagna, ormai, da anni gli appassionati presso la Biennale di Venezia; quel red carpet è uno specchietto per tantissime personalità di tutto il panorama del cinema internazionale.

Anna Foglietta, bella attrice di alto livello, è stata scelta come madrina di “Venezia77”. In questo festival, si ha la possibilità di visionare in anteprima alcuni corti, film e documentari presentati da registi e interpreti.

Evento di grande classe, stile e meritevole di attenzione e rispetto.

Il pubblico ha potuto assistere anche alla “sfilata” delle influencer; ma, a questo punto, una domanda sorge spontanea: le influencer, in una cornice così inebriante di creatività e di arte cinematografica, non sono fuori contesto? O meglio … fuori concorso? Riflettendo bene, ci si rende conto che per tale categoria di persone è fondamentale “sfilare”, mettersi in mostra approfittando dell’occasione per poter essere immortalati da fotografi di tutte le testate giornalistiche, nazionali e  internazionali, accontentandosi di strappare applausi e lasciarsi fotografare. I cosiddetti “5 minuti di celebrità”.

Giusto. Lecito. Peccato, però, aver dimenticato un elemento fondamentale: le influencer in questione, sono attrici? Sono registe? Autrici di qualche film, documentario o corto? Questa smania spasmodica di volersi sentire in dovere di stare sempre sotto i riflettori, anche quando oggettivamente non dovrebbero, è uno schiaffo morale a chi davvero e da sempre svolge questo mestiere con amore, dedizione e passione. Probabilmente le influencer sono persone convinte che,  avendo milioni di follower, possono mettersi sullo stesso piano di un/a grande attore/e.

Giulia De Lellis, arrivata a Venezia, con un fare “da diva di Hollywood”, ha evidenziato e ostentato  un’infiammazione cutanea, volgarmente denominata acne, di cui è portatrice. Arrivata un po’ in ritardo con questa “mossa” mediatica. Di certo, infatti, non era necessario questo palesare per capire che l’acne è una problematica diffusa della quale non bisogna vergognarsi. Ennesimo tentativo di accaparrarsi altri consensi.

Magari, in futuro, si organizzerà un festival dedicato solamente alle influencer?!?

Chiara Alonzo

AUTHOR

Chiara Alonzo

Nata a Cassino, sin da piccola si appassiona al mondo del cinema, della televisione e del giornalismo, grazie anche all’influenza professionale di suo padre. Si laurea in Scienze della Comunicazione e muovi i suoi primi passi in radio.Si definisce una persona molto curiosa, caparbia e determinata e, forse, anche grazie a questo, ha la fortuna di perseguire i suoi sogni. Attualmente lavora come autrice e nella produzione di format televisivi e documentari.

Leggi tutti i post di Chiara Alonzo

Potrebbe interessarti anche...

Sanremo 2018: le venti canz...

Tutto pronto per l’edizione numero 68 del Fe...

“La voce di Fantozzi&...

Un omaggio al genio di Paolo Villaggio attraverso ...

Venezia 72: su Sky il ciclo...

In occasione della 72° Mostra Internazionale d’...

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter!