100 anni di Albertone Nazionale

Alberto Sordi nacque a Roma il 15 giugno 1920 e oggi Albertone avrebbe compiuto 100 anni.

Considerato uno dei maggiori attori italiani, Sordi, nella sua esperienza, poté vantare di essere un artista versatile nel suo genere. Con Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Nino Manfredi e Marcello Mastroianni è considerato uno dei più grandi interpreti della commedia all’italiana.

Esordì in radio, nel 1948, con il suo programma attraverso cui interpretò “il compagnuccio della parrocchietta”, ottenendo innumerevoli consensi. Da lì Vittorio De Sica credette nel suo talento, riproponendolo sullo schermo in “Mamma mia che impressione!”.

Sordi, intanto, si era legato artisticamente al regista Federico Fellini e divenne popolare grazie all’interpretazione del film “Lo sceicco bianco”, anche se, tale film, non si rivelò il successo sperato. Nonostante tutto, però, la fama di Sordi ormai cresceva.
Grazie alla fiducia del suo amico e regista Fellini sempre proiettato alla conquista delle scene grazie all’estro creativo di cui era portatore, Sordi poté trasformare il malinconico e cinico personaggio affidatogli ne “I vitelloni” e garantirsi, così, ancora il successo. Ma era solo l’inizio.

I personaggi interpretati da Sordi erano sempre l’immagine speculare dell’italiano medio, quello alla ricerca continua di qualche vantaggio personale dagli atteggiamenti presuntuosi, servili e cinici a seconda delle circostanze.
Gli anni ’60, per Sordi, furono davvero significativi e la sua versatilità si espresse nell’interpretazione di un ruolo drammatico. Strano per il pubblico abituato a vedere il Nostro impegnato in parti comiche e satiriche. Ma, grazie a questo ruolo, egli dimostrò, ancora una volta, il grande talento di cui poteva disporre.
Inoltre, la partecipazione al fortunato varietà “Studio Uno”, con la regia di A. Falqui e Guido Sacerdote, valse a Sordi l’attribuzione del nomignolo di “Albertone”, a indicare la confidenza guadagnata con il pubblico.
Insomma un artista come pochi.

Alberto Sordi, nella sua carriera artistica, collezionò tantissimi premi.
Al di là della sua invidiabile carriera, bisogna ricordare il Nostro per i tratti della sua personalità: nonostante non amasse ostentare la propria vita, soprattutto quella privata, fu sempre molto corteggiato.
Concentrato su di sé, però ironicamente, non ha mai sentito il desiderio di sposarsi, tanto da autodefinirsi un “infedele per costituzione”.
Sordi preferì spendere tutte le proprie energie nel lavoro che rappresentava tutta la sua vita.
Sdrammatizzare la vita, sempre con una punta di cinismo, era un atteggiamento consueto di “Albertone”. Così come l’amore viscerale che nutriva per gli animali, considerandoli alla stessa stregua degli esseri umani, tanto da detestare e diffidare di chi li maltrattava.
A mio parere, Sordi era dotato di quel sesto senso, innato, in grado di indirizzarlo soprattutto nell’impegno determinato del suo lavoro. Aveva un modo tutto suo di interpretare il mondo circostante, probabilmente aveva una mente analitica attenta ai dettagli, ma soprattutto sincretica.

Purtroppo nel 2001 cominciarono problemi di salute e, da quel momento, Alberto Sordi uscì di scena, lasciando un segno indelebile nel panorama artistico e cinematografico, ma le sue battute più divertenti ed esilaranti, ancora oggi, continuano a tener compagnia i suoi tanti fans.

Per il centenario della nascita del Nostro è prevista, a Roma, l’inaugurazione della mostra a lui dedicata; il 16 settembre  nella villa di Caracalla che gli appartenne. Per la prima volta in assoluto sarà aperta al pubblico.
Un’esperienza davvero unica e da annotare in agenda, soprattutto per chi è appassionato della cinematografia e delle trasmissioni televisive.

I migliori auguri a te… “Albertone! “. Buon compleanno!

Chiara Alonzo

AUTHOR

Chiara Alonzo

Nata a Cassino, sin da piccola si appassiona al mondo del cinema, della televisione e del giornalismo, grazie anche all’influenza professionale di suo padre. Si laurea in Scienze della Comunicazione e muovi i suoi primi passi in radio.Si definisce una persona molto curiosa, caparbia e determinata e, forse, anche grazie a questo, ha la fortuna di perseguire i suoi sogni. Attualmente lavora come autrice e nella produzione di format televisivi e documentari.

Leggi tutti i post di Chiara Alonzo

Potrebbe interessarti anche...

Su Sky Arte il docu-film Si...

Nell’anno del centenario dalla nascita di Albert...

Alberto Sordi: domenica mar...

Rai Movie, a dieci anni dalla scomparsa, rende oma...

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter!